Premio Chiomenti diritto e innovazione digitale - Diritto, economia e tecnologie: nuovi strumenti professionali, organizzazione e regole per lo sviluppo.

Chiomenti conferma la sua attenzione verso le nuove professionalità in un’ottica di continua evoluzione, promuovendo il primo "Premio Chiomenti Diritto e Innovazione digitale - Diritto, economia e tecnologie: nuovi strumenti professionali, organizzazione e regole per lo sviluppo", riservato a brillanti neolaureati e laureandi in Giurisprudenza con particolare passione per gli effetti dell’innovazione tecnologica sul futuro dell’economia e del diritto e sull’esercizio della professione legale.

In palio un premio dell’importo di Euro 5.000, da corrispondersi a seguito dello svolgimento di un tirocinio, ulteriormente retribuito, della durata di 6 mesi, nonché altri due premi, consistenti nello svolgimento di un tirocinio retribuito.

Le tecnologie dell’informazione stanno trasformando l’economia e le modalità stesse di esercizio della professione legale e i modelli organizzativi degli studi legali. Proprio in questo scenario si colloca il Premio, con l’obiettivo di valorizzare nuove figure professionali ad alto potenziale nel contesto attuale, incoraggiando la formazione di professionisti che padroneggiano competenze e strumenti professionali necessari per guidare e gestire l’integrazione in atto tra competenze giuridiche e tecnologie digitali.

Lo scopo è dunque favorire un cambiamento strutturale, ricercando giovani in grado di utilizzare le tecnologie digitali come leva di innovazione e cambiamento nel mondo della professione forense e nella comprensione degli sviluppi dei mercati e delle imprese. Il premio mira altresì a sostenere la cultura dell'innovazione digitale nel mondo degli studi legali, a generare un meccanismo di condivisione di eccellenza e a dare visibilità e opportunità di crescita ai più meritevoli e brillanti giovani, laureati e laureandi in giurisprudenza che si avvicinano al mondo della professione in un momento di così profondi mutamenti.

In linea con gli obiettivi del Premio, sono stati chiamati a comporre la Giuria professionisti esterni provenienti da realtà di spessore internazionale quali Matteo Concas, General Manager Italy, Head of Growth N26, Luca Colombo, Country Director Facebook Italia e da rappresentanti interni quali il Managing Partner Filippo Modulo ed i Partner Alessandro Portolano e Gregorio Consoli.

Dopo un percorso di selezione e di valutazione ad opera della Giuria, nel maggio 2019 sono stati individuati i tre vincitori del Premio.

I candidati, che avevano dapprima presentato domanda preliminare di partecipazione entro il 27 luglio 2017, hanno successivamente predisposto un elaborato originale, che ha consentito di valutare l’attitudine ad applicare in modo integrato le proprie competenze giuridiche e le tecnologie dell’informazione, circa le implicazioni delle nuove tecnologie per le attività delle imprese industriali e finanziarie oppure per lo svolgimento della professione forense e l’organizzazione degli studi legali.


Qui a fianco è possibile visualizzare il bando.