Newsletter - “Cybersquatting”: quali soluzioni per i titolari dei nomi a dominio?

Condividi

Il nostro Dipartimento IP, TMT e Data Protection analizza il quadro giuridico di riferimento, i relativi rimedi attualmente a disposizione nonché alcune novità normative che si profilano a livello UE per far fronte alle conseguenze generate dal “cybersquatting, una pratica illecita che consiste nell’accaparramento speculativo, in mala fede, di determinati segni o denominazioni da parte di Registrants terzi – rispetto a chi possa legittimamente vantarvi diritti di proprietà intellettuale ovvero altri diritti (e.g., diritto al nome) – mediante la relativa registrazione come domain name, con l’obiettivo di monetizzare e/o sfruttare altrimenti “l’esclusiva” ottenuta sul piano tecnico presso il database dei Registries.

Topics