Newsaert - Il Tribunale di Roma sulle collaborazioni etero-organizzate

Newsaert - Il Tribunale di Roma sulle collaborazioni etero-organizzate

Condividi

Con una recente sentenza, il Tribunale di Roma (sentenza n. 4243/2019 del 6 maggio 2019, est. Daniela Bracci) ha affrontato il tema delle collaborazioni coordinate e continuative cd. etero-organizzate, ossia collaborazioni autonome “le cui modalità di esecuzione sono organizzate dal committente anche con riferimento ai tempi e al luogo di lavoro” (art. 2, comma 1, D.lgs. 81/2015).

Con tale pronuncia il Tribunale, nel solco già tracciato dalla Corte d’Appello di Torino nel caso dei riders di Foodora (App. Torino, sentenza 26/2019 del 4 febbraio 2019), conferma l’esistenza di un “terzo genere” di collaborazione, che si colloca in posizione intermedia tra il lavoro subordinato caratterizzato dall’eterodirezione e la collaborazione coordinata ex art. 409 c.p.c. in cui il collaboratore organizza autonomamente la propria prestazione.

 

Per un'analisi sul tema, scarica l'Alert del Dipartimento Diritto del Lavoro

Topics

Aree di attività