Il titolo di “Cavaliere dell’Ordine della Stella” al socio Chiomenti, Sara Marchetta

Condividi

Chiomenti è lieto di annunciare l’importante onorificenza di “Cavaliere dell’Ordine della Stella” conferita del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando al socio Chiomenti, Sara Marchetta.

Il prestigioso riconoscimento è stato conferito nel corso di una cerimonia istituzionale presso l’Ambasciata di Pechino alla presenza dell'Ambasciatore italiano in Cina, Ettore Sequi, e di una delegazione italiana composta da alti esponenti di istituzioni ed ordini professionali italiani.

Il titolo di “Cavaliere dell’Ordine della Stella” è stato riconosciuto al socio Chiomenti, Sara Marchetta dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella con la seguente motivazione: “Avvocato di successo con pregressa formazione anche in lingua e letteratura cinese, la D.ssa Sara Marchetta è una delle più note e stimate professioniste italiane attive in Cina, dove da diversi anni fornisce una preziosa assistenza alle imprese nazionali interessate a operare nel Paese. In epoca più recente, la sua attività professionale l’ha vista inoltre impegnata in una costante azione di stimolo e di supporto degli investimenti cinesi verso l’Italia.

Coinvolta con incarichi apicali nelle più importanti associazioni camerali straniere presenti in Cina (Camera di Commercio Italiana e Camera di Commercio Europea), in tali ruoli si è sempre prodigata per assicurare visibilità e favorire opportunità d’affari a vantaggio del Sistema Italia, meritandosi l’unanime apprezzamento della collettività e delle istituzioni italiane in questo Paese. Intensa e degna di nota anche l’azione da lei svolta in favore di numerosi giovani laureati italiani, aiutati a inserirsi nel mondo del lavoro in Cina.”

L'Ordine della Stella d'Italia è stato istituito nel secondo dopoguerra al fine di conferire riconoscimenti per gli italiani all'estero o stranieri che meglio avessero assistito nella ricostruzione dell'Italia. L'onorificenza è concessa dal Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro degli Affari Esteri, sentito il Consiglio dell'Ordine.