Chiomenti aggiorna il Codice Etico, dotandosi in via volontaria del modello 231

Chiomenti aggiorna il Codice Etico, dotandosi in via volontaria del modello 231

Condividi

L'Assemblea dei Soci di Chiomenti ha approvato l’aggiornamento del Codice Etico, che prevede la decisione da parte dello Studio di dotarsi in via volontaria del modello 231.

L'Assemblea dei Soci conferma quindi con chiarezza i valori e i principi che da sempre guidano l’azione dello Studio, per garantire che tutte le attività siano svolte non solo con la massima professionalità ma anche in un contesto di assoluta integrità e correttezza, valori imprescindibili nell'esercizio dell’attività professionale presso lo Studio.

Il Codice si applica a tutti i Soci, Soci di Sede Estera, Consulenti, Of Counsel, Collaboratori e Dipendenti di tutte le sedi – italiane e estere – dello Studio, nonché a qualsiasi altro soggetto che agisca in nome o nell’interesse dello Studio.

Filippo Modulo, Managing Partner di Chiomenti, ha commentato: “Con il Modello 231, ci siamo dotati in via volontaria di un sistema organizzativo ispirato alle best practices internazionali volto a prevenire il rischio di commissione dei reati, attraverso l’individuazione delle attività nell’ambito delle quali è presente un maggior rischio di illeciti e l’enunciazione di regole di condotta alle quali i Professionisti devono conformarsi con il massimo scrupolo. Siamo consapevoli che il sistema di responsabilità attualmente disciplinato dal D.lgs. 231/2001 non possa essere esteso sino a trovare applicazione anche nei confronti delle associazioni tra professionisti, e questa ci è sembrata la decisione più in linea con i valori e la filosofia dello Studio”.

 

La versione integrale del Codice Etico è disponibile qui

Topics

Aree di attività